Raphael Luzon - Official Site

wrapper

Latest Article

Gheddafismo senza Gheddafi

Quando, gli ultimi tempi, incontro amici libici tutti, senza distinzione, mostrano una grave preoccupazione per la situazione in patria . Fanno presente che loro hanno aderito alla rivoluzione solo per amore per il proprio paese e che si sono uniti alla lotta contro la tirannia, per eliminare Gheddafi  senza alcuna considerazione di sorta per la propria sicurezza e senza alcuna ricerca di guadagni personali . Quest " idealismo rivoluzionario" dominante che esisteva prima, raddoppia l'amara delusione causata dagli sviluppi attuali in Libia.

A differenza dell' altruismo dimostrato dai giovani durante i primi giorni della rivolta, l'opportunismo politico dimostrato dai "nuovi e piccoli Gheddafi" emersi che lottano ed uccidono per interessi e guadagni personali, i miei amici la reputano piuttosto una vergogna. Gli opportunisti hanno distorto con successo l'immagine della rivoluzione nelle menti di molti libici , soprattutto i giovani.                 Fin dall'inizio della rivolta nel febbraio 2011 , una serie di incidenti si era verificato, che molti avevano attribuito al caos globale iniziale , mentre di fatto erano dovuti a una progettazione preventiva di corrotti e malvagi. Tutti questi fattori hanno portato alla situazione attuale .

La rivolta si è verificata in un contesto privo di istituzioni civili e politiche, quadri di dirigenti azzerati (erroneamente) allo scoppio della Rivoluzione . Il Consiglio nazionale di transizione e il suo successore , il Congresso Nazionale Generale , non è riuscito a dare la necessaria attenzione allo sviluppo e ricostruzione di queste Istituzioni . Il governo ha fallito il processo necessario per lo sviluppo di istituzioni e meccanismi di responsabilità e di autodisciplina . E ' un peccato vedere che le caratteristiche peggiori del Gheddafismo stiano continuando ad essere radicati in assenza di Gheddafi .

L'assenza di continuità amministrativa e una burocrazia efficace sono stati un altro ostacolo che ha impedito la transizione che altre società post-rivoluzione hanno sperimentato ( come l'Europa dell'Est, Tunisia o addirittura l'Egitto)

Durante l'era di Gheddafi , la Libia aveva una struttura burocratica ferma e complessa che conteneva nuove organizzazioni imposti alle vecchie istituzioni . Questa epoca ha avuto strutture parallele e sovrapposte , in cui l'autorità e la responsabilità sembrava vago , che spesso conducevano ad una forte concorrenza e lotta all'interno del governo . Questo ha permesso Gheddafi di essere l' unico giudice nei minimi dettagli, (divide et impera) sia a livello nazionale e subnazionale . Dopo il 17 febbraio , i "rivoluzionari" hanno sostituto i "comitati rivoluzionari" di Gheddafi.  Questi rivoluzionari, pero`, mancavano e mancano totalmente di esperienza nel come gestire un Paese, in piu`  la lealtà tribale ha aumentato l'intensità del conflitto e concorrenza all'interno del sistema amministrativo.

La legge chiamata "di isolamento/purificazione politica" , votata gli scorsi mesi dal parlamento temporaneo che ha vieta a tutti  coloro che occupavano posizioni alte durante il governo di Gheddafi di assumere incarichi di governo , ha privato il paese di dirigenti che avevano le competenze amministrative decisionali più elementari, frutto di una decennale esperienza .

La filosofia dei "rivoluzionari ", che consiste nell' acquisire esperienza attraverso lo svolgimento di lavoro , ha portato ad uno strano Stato, dove l'intero paese è ora guidato da principianti e tirocinanti.  Nel frattempo , i burattinai di guerra hanno continuato a stringere loro fila e guidare o perlomeno fortemente influenzare il governo dall'esterno , dando spazio o a gruppi estremisti islamici (che continuano ad essere minoranza) o a gruppi di mafie e gang che si spartiscono il territorio. Come moltissimi Libici dicono oggi, " mentre prima subivamo un solo Gheddafi , ora ne subiamo tanti!" .

Con la disintegrazione dell'autorità centrale il 17 Febbraio 2011 , la Libia è tornata ai suoi elementi costitutivi prima dell'indipendenza, centrata sulle regioni, tribù e la lotta per il predominio risalente alla fine del 1940 . La disputa pre- indipendenza è stata risolta attraverso l'insediamento regionale / tribale previsto dalla Costituzione del 1951.

La ragione prinncipale per cui non si è riuscito ad avviare un processo di riconciliazione nazionale basato su meccanismi tradizionali, e` che gli anziani delle tribù e i leader rispettati e rispettabili delle generazioni precedenti - e coloro che hanno prestigio e status tra i loro coetanei - sono stati sostituiti con i leader delle milizie , i signori della guerra, politici miopi, giovani spinti solo dal desiderio personale per il potere.

Il  pericolo di un rapido collasso dell'autorità centrale , e` sempre presente , e prevedibile da chiunque abbia una conoscenza semplice ed essenziale della storia della Libia  e della struttura sociale attuale.

il Consiglio nazionale di transizione e il suo successore , il Congresso Nazionale Generale , ha fatto della riconciliazione nazionale una priorità assoluta che, nelle intenzioni, avrebbe dovuto  precedere ed evitare il desiderio di vendetta . Tuttavia, entrambe le istituzioni hanno fallito e sono pienamente responsabili per l'attuale status quo .

Le due città più popolose , Tripoli e Bengasi , vedono e subiscono atti di terrorismo ogni giorno: auto bomba, eliminazioni ed uccisioni politiche.
I signori della guerra continuano categoricamente a respingere di unirsi in un unico esercito nazionale, non ideologico, o di formare una forza di Polizia e Servizi di sicurezza,  ma insistono sul fatto che le milizie si debbano unire come gruppi indipendenti  soprattutto per controllare un esercito . Quando questo non è stato accettato , hanno usato tutti i metodi per contrastare il processo di costruzione di un esercito nazionale , tra cui l'assassinio di ufficiali che avevano combattuto a fianco della rivolta e avevano le capacità militari e la capacità di raggiungere un consenso . Gli omicidi sono aumentati di frequenza di recente .

Dal momento che la rivolta era iniziata , armi e denaro hanno cominciato ad arrivare da " paesi fratelli ", con obiettivi contrastanti , a gruppi e regioni specifiche . Alcuni volevano instaurare un regime libico ideologico, altri Islamico , mentre altri volevano impedire il ritorno della stabilità, mostrando quindi  ai loro concittadini che è inutile cambiare il regime...

La società libica è divisa in tribù / regioni che ostacolano il successo della egemonia ideologica che era adatto a società come l'Egitto e la vicina Tunisia. Eppure , la distribuzione caotica delle armi , che mirava a mettere in luce le divisioni orizzontali nel paese , è riuscita a raggiungere l'obiettivo desiderato di contrastare eventuali tentativi di costruire uno stato incentrato su un governo centrale.
Il risultato di tutto questo è stato rappresentato in una Libia frammentato che consiste in un numero di regioni , dove la vita quotidiana non è sicura .
Mentre il sud del paese , in particolare , rappresenta una sorta di  terra di nessuno , l'assenza di legge in questo settore ha fornito terreno fertile per tutti i tipi di banditismo , tra cui traffico di esseri umani , droga e armi operazioni che vengono effettuate contrabbando in pubblico impunemente . Queste attività in questa parte della Libia sono una vera fonte di preoccupazione per i capi dei paesi vicini .

La capitale Tripoli è condivisa da due gruppi di milizie . Il primo è costituito da milizie di Misurata che hanno sede presso le ville a Gargour e alleati con altre milizie di Souq al- Juma ( il battaglione di Nawasi ) e di altre milizie di Tajura Zawiya . Queste milizie formano un'alleanza politica , guidata da alcuni signori della guerra nel Congresso Nazionale Generale.

 L' altro campo comprende le milizie di Zintan (Brigata al- Qaqaa e altri battaglioni dalle montagne Nafusa e Zawiya ) . La linea di demarcazione si  estende dall'aeroporto Internazionale di Tripoli a  Piazza dei Martiri a Hay al-Andalus .

La maggior parte degli abitanti di Tripoli e Bengasi, considerano le milizie tribali come potenza occupante e li odiano tanto quanto odiavano i  "comitati rivoluzionari"  di Gheddafi , che svolgevano un ruolo analogo .

Per quanto riguarda il resto del paese , la terra è divisa tra varie milizie , i cui molti membri non ha partecipato alle proteste per rovesciare Gheddafi . La divisione dei terreni si basa implicitamente sulla mutua distruzione assicurata . Coesistenza tra milizie si basa sulla condizione che nessuno attacchi le unità degli altri .


A giudicare dalle esperienze passate , il futuro non fa ben sperare per la Libia . Il paese è sotto controllo di queste milizie . Edifici e dei beni pubblici sono controllati da gruppi armati . Fazioni rivali si combattono su base giornaliera . Ciò che rende le cose peggiori è che il governo centrale ha poco potere all'interno di Tripoli ed è impotente oltre la periferia della città . Il paese è guidato dai signori della guerra rivali . L'economia è piena di corruzione, tangenti , l'interesse e favoritismo . Una guerra civile di basso livello è in corso da due anni , senza alcun fine in vista. Questa è la Libia nel 2013 . Questo è stato il caso dell'Afghanistan a metà degli anni 1990 , prima dell'arrivo dei talebani , che ha imposto una sorta di potere e di controllo . Ognuno è al di sopra della legge.

Basti pensare che ai tempi di Gheddafi la Libia estraeva ed esportava 1.500.000 barili di petrolio al giorno e oggi a malapena 50.000 !!

 Non c'è nessun governo in Libia . Ci sono solo persone in possesso di titoli ufficiali . Nessuno ha il potere , ad eccezione di quelli che sono sostenuti da gruppi armati . Quando il primo ministro ha rifiutato di soccombere alla pressione da parte dell'opposizione a dimettersi , è stato rapito da uomini armati dal suo letto in albergo all'alba ed imprigionato per alcune ore.

Gran parte dell'entusiasmo iniziale e l'empatia con il popolo libico, è sparita . Né gli Stati Uniti né l'Unione europea vogliono essere trascinati nella palude libica. Ad alcuni va anche bene questo caos...

 Ancora una volta , agli occhi del mondo, la Libia non è altro che un giacimento petrolifero enorme.
Una grande delusione . La speranza della Rivoluzione del 17/2/2011 e` che  la Libia fosse un paese in cui la legge avesse prevalso, ora invece e` in un paese dove tutti sono al di sopra della legge . Persone innocenti stanno ancora soffrendo . Nessuno è al sicuro.

Last modified on Tuesday, 13 January 2015

Leave a comment