Raphael Luzon - Official Site

wrapper

Latest Article

Quando la primavera araba ha spazzato in Libia nel 2011 e spazzato fuori Muammar Gheddafi ,

c'è stato un improvviso aumento di interesse per il Paese da parte degli stranieri che vogliono investire . Sede di grandi riserve petrolifere dell'Africa , la Libia è stato visto come una miniera d'oro commerciali , e fu la casa di un popolo in genere desiderosi di aprirsi al mondo esterno e uscire da 40 anni di isolamento.

Ma due anni dopo , molti stranieri si sono spaventati . Violenza , stagnazione , battaglie milizia , attacchi ai diplomatici , furti d'auto - la vita nella capitale , Tripoli , non è certo per i deboli di cuore . Nel mese di ottobre , il primo ministro , anche , è stato brevemente rapito .

La maggior parte di coloro che rimangono sono diplomatici e dirigenti petroliferi , vivendo una vita avvolti dalle guardie di sicurezza . Essi fanno la spola tra i composti murati e uffici custoditi in convogli armati , vedendo poco della vita reale del paese in cui vivono Il complesso della villa di fronte al mare Regatta nella zona ovest della città, utilizzato per teem con i dipendenti occidentali e le loro famiglie . Ora è mezzo vuoto . Un dirigente straniero che vive lì ha detto che le aziende estere ora inviare il personale in Libia solo per brevi periodi , e senza le loro famiglie .
Questo autunno , il convoglio dell'ambasciatore dell'UE è stato teso un agguato e l'ambasciata russa attaccata . Ogni nuovo incidente innesca una nuova evacuazione del personale non essenziale .

Eppure , nonostante la violenza sporadica , Tripoli è un luogo accogliente , e per le strade non si avvertono precise minaccie . Molti negozi , caffè e spazi aperti come piazza dei Martiri , sono pieni di persone che chiaccherano e passano il tempo davanti a un caffè .

Come conseguenza della p[olitica del dittatore,  la città manca di luoghi di divertimento e ritrovo simili alla vicina Tunisi o Il Cairo.
Nel mese di novembre , c'e` stata un'ondata di proteste contro le milizie dopo l'uccisione di 47 manifestanti disarmati fuori una base. La protesta, ha visto alcune delle milizie cacciati fuori della città e sostituiti da unità della polizia e dell'esercito , che sono stati accolti da folle plaudenti .
La città vige, formalmente, un divieto di alcol rigoroso, ma la vita notturna , nei bar, ristoranti sta lentamente ritornando, insieme a un clima di fiducia in se stessi .

Fuochi d'artificio , piuttosto che milizia spari ora illuminano il cielo di notte , e il giovane annoiato si accontentano di " drifting " - le manovre di pneumatici stridono con le automobili e jeep . Ma quella fiducia in se stessi ancora non si estendono molto al di là Tripoli stessa .

La zona intorno Sabratha ha visto tensioni negli ultimi mesi . Scontri armati scoppiati presso l'impianto di gas Melittah scorso anno tra milizie rivali litigano per il contratto di sicurezza .

La scorsa settimana , quattro addetti alla sicurezza dell'Ambasciata americana sono stati arrestati vicino a Sabratha , dopo un litigio a un checkpoint dell'esercito .
Due omicidi questa settimana hanno aumentato la preoccupazione tra i residenti stranieri della Libia - tra cui quello di un insegnante di chimica americano che lavorava in una scuola internazionale nella città orientale di Benghazi

================================================================================

In una interessante intervista al CORRIERE DALLA SERA dll'8/1/2014,  l'ex governatore della Banca Centrale della Libia, Farhat Bin Guidara, ex uomo di Gheddafi, afferma  che dopo la caduta del regime di Gheddafi la Libia e` dominata da gang e da oranizzazioni mafiose.

Cosi` come, afferma, la Banca centrale di Libia ha trasferito illegalmente ingenti beni all'estero autorizzati inizialmente da Mustafa Abdul Jalil capo del Consiglio di transizione e il suo vice , Abdul Hafeez Gogha. Inoltre da un importo totale di beni congelati presso banche della Svizzera, Gran Bretagna, Italia e America, pari a 294 miliardi seicento milioni di dollari, siano stati prelevati 90 miliardi e ottocento milioni di dollari in circostanze misteriose.

Parte di questo denaro sembra sia stato autorizzato dal Dr. Mohammad Yousuf Maqarief, Presidente del Congresso Nazionale assieme a membri di una strana Commissione... !

Ed il fenomeno continua...come la scomparsa dei soldi provenienti dalla vendita di immobili di proprietà dello Stato libico in Libano , Marocco, Tunisia , Gran Bretagna , India e diversi paesi africani, per una somma che ha superato 36 miliardi di dollari, che non sono entrati mai alla Banca centrale della Libia!

La Libia, di fatto, e` sull'orlo del fallimento spaventoso. E` diventata un luogo di avidità.  Vi e` l'assoluta incapacità di provvedere alle necessità più elementari della vita per i cittadini. Inoltre , la Libia e` in debito con molti paesi del mondo !

La Libia ha quasi del tutto smesso di produrre olio, in quanto il governo perde il controllo di gran parte del paese ai combattenti della milizia .

"Uomini della sicurezza" hanno preso il sopravvento nei questi porti petroliferi sul Mediterraneo e sono in cerca di vendere petrolio greggio sul mercato nero . Ali Zeidan , il primo ministro della Libia , ha minacciato di "bombardare dal cielo e il mare" chiunque tentasse di raccogliere in modo illecito.

Mentre l'attenzione del mondo è concentrata sul colpo di Stato in Egitto e l'attacco gas tossico in Siria nel corso degli ultimi due mesi , la Libia è precipitata inosservata nella sua peggiore crisi politica ed economica dopo la sconfitta di Gheddafi due anni fa . Autorità di governo si sta disintegrando in tutte le parti del paese mettendo in dubbio rivendicazioni da parte dei politici americani , britannici e francesi che l'azione militare della Nato in Libia nel 2011 è stato un esempio eccezionale di un intervento militare straniero di successo che dovrebbe essere ripetuto in Siria .

In un crescente crisi poco considerata finora al di fuori dei mercati del petrolio , produzione di pregiato greggio di alta qualità della Libia è precipitata da 1,4 milioni di barili al giorno all'inizio di quest'anno a soli 160.000 barili al giorno adesso . Nonostante le minacce di usare la forza militare per riprendere i porti petroliferi , il governo di Tripoli è stato in grado di muoversi efficacemente contro le guardie suggestivi e le unità militari ammutinati che sono collegati alle forze secessioniste nella parte orientale del paese .



Anche se l'intervento della Nato contro Gheddafi è stata giustificata come una risposta umanitaria alla minaccia che i carri armati di Gheddafi avrebbero massacrare i dissidenti a Bengasi , la comunità internazionale ha ignorato l' escalation di violenza . I media stranieri , che un tempo riempivano gli alberghi di Bengasi e di Tripoli , hanno altresì prestato poca attenzione al quasi collasso del governo centrale .

Gli scioperanti nella regione orientale della Cirenaica , che contiene la maggior parte del petrolio della Libia , fanno parte di un più vasto movimento in cerca di maggiore autonomia e incolpare il governo per spendere i proventi del petrolio nella parte occidentale del paese . Gli stranieri sono in gran parte fuggiti da Bengasi dopo l'assassinio del Console americano , Chris Stevens , da miliziani jihadisti scorso settembre . La violenza è peggiorata da allora con il procuratore militare della Libia il colonnello Yussef Ali al - Asseifar , incaricato di indagare omicidi di politici , militari e giornalisti, egli stesso assassinato da una bomba nella sua auto il 29 agosto .

La sede a New York Human Rights Watch ha chiesto un'indagine indipendente sulla repressione violenta di un ammutinamento in una prigione a Tripoli il 26 agosto , in cui 500 prigionieri erano in sciopero della fame . Gli scioperanti chiedevano di essere presi prima di un procuratore o formalmente pagano poiché molti erano stati detenuti senza accusa per due anni.
Il governo ha invitato il Comitato Supremo di Sicurezza , composto anche da ex miliziani anti- Gheddafi nominalmente sotto il controllo del ministero degli interni , per ristabilire l'ordine . Almeno 19 prigionieri colpiti da arma da fuoco o feriti da schegge , con un detenuto che testimonia " sparavano direttamente a noi attraverso le sbarre di metallo " . Ci sono stati diversi fughe di prigionia di massa di quest'anno in Libia , tra cui 1.200 fuga da una prigione dopo una rivolta a Bengasi nel mese di luglio .

Il ministro dell'Interno , Mohammed al -Sheikh , si è dimesso il mese scorso per la frustrazione di non poter fare il suo lavoro , dicendo in una nota inviata al sig Zeidan che lo ha accusato di non riuscire a costruire l'esercito e la polizia . Ha accusato il governo, che è in gran parte dominata dai Fratelli Musulmani , di essere deboli e dipendenti dal sostegno tribale Altri analisti sottolineano che una guerra tra due tribù libiche, gli Zawiya e i Wirrshifana , sta avvenendo a soli 15 km. dall'ufficio del Primo Ministro .

I diplomatici sono sotto attacco a Tripoli come l'attacco al convoglio dell'Ambasciatore dell'UE in un'imboscata fuori dall'hotel Corinthia sul lungomare . Una bomba anche distrutto l'ambasciata francese .

Uno dei tanti fallimenti del governo post- Gheddafi è la sua incapacità di rilanciare l'economia moribonda . La Libia è totalmente dipendente dai proventi del petrolio e del gas e senza questi potrebbe non essere in grado di pagare i propri funzionari . Sliman Qajam , membro della commissione parlamentare di energia , ha detto a Bloomberg che "il governo ha iniziato ad intaccare le sue riserve . Se la situazione non migliora , il Governo non sarà in grado di pagare gli stipendi entro la fine dell'anno ". (aggiornato ad Agosto 2014)

Raphael (Faelino) Luzon

Last modified on Tuesday, 13 January 2015

Leave a comment